Libri

Altrove - recensione

17:20

Esiste una casa sulla riva di un lago, lì dove l'acqua si fonde impercettibilmente con il cielo, lì dove arrivano venti che non sono venti, che vanno via solo dopo aver raccontato la propria storia, tristemente bella! Qui le donne della Casa degli Orizzonti prestano mente e udito all'ascolto di ultime parole di anime appena defunte e desiderose di dare un ultimo messaggio ai propri cari prima di iniziare la loro vita Altrove.

Come accade spesso, anche quel pomeriggio ero seduta al tavolo bianco, con le spalle al vicolo per guardare il lago. Passo ore intere a scrutare queste acque: acque sulle quali si riflettono tutti i colori, le sfumature e i riflessi del giorno e della notte, e di quello che c'è in mezzo.
 A un tratto lo sguardo si fissa su un punto, un punto indefinito: lentamente la vista si fa meno nitida fino ad annebbiarsi e allora cielo e acqua si confondono. [...] E con il cielo e l'acqua si confondono passato e presente, a volte anche il futuro. [...].
 È un sentire completamente diverso, assolutamente, totalmente diverso.
 È un sentire che porta altrove.

Nennella e Giacinta sono le principali protagoniste del racconto, ma Giacinta, l'ultima della famiglia ad aver ricevuto questo dono è la vera narratrice delle vicende di Altrove di Patrizia Fortunati, edito da Ali&No Editrice.

Prezzo cartaceo 16€ per un totale di 211 pagine

Il tono del racconto è impostato sulla espressione delle emozioni e sensazioni umane più che sulla narrazione asettica di eventi. Leggere il racconto della Fortunati è, dunque, un lasciarsi trasportare dalle parole, dai battiti del cuore, dai sospiri e dalle lacrime.
Perché sì, si parla di lacrime, di dolore e di rimpianti riguardo una vita passata, che, in un modo o in un altro, ha lasciato traccia di tanti negli altri che sono rimasti.
Il libro e le parole della scrittrice sono come un vero amico, ti prendono per mano, ascoltano le tue sofferenze e permettono che si esternino nel modo più dolce possibile.

Ma quando finiscono le lacrime? Arriva un giorno, un momento in cui si esauriscono oppure non finiscono mai, come l'acqua in un continuo ricircolo? Quante volte se lo era domandato, con gli occhi e la voce muta.



<<Questo è anche il nostro dono, mio e tuo e di altre donne di questa casa: accogliere e saper ascoltare>> mi sussurrò <<e noi possiamo decidere cosa farne>>.

Le donne della Casa degli Orizzonti, o meglio, soltanto quelle che portano sul petto una piccola voglia con il simbolo dell'infinito, hanno un dono: aiutare le anime appena defunte ad esternare se stessi in un'ultima riflessione sulla propria vita. Partecipano della sofferenza dell'altro in una comunione intima e difficilissima con un dolore che non nasce come nostro, ma che in qualche modo lo diventa. E non è forse qualcosa che tutti noi uomini dovremmo provare a concretizzare quando ci troviamo a parlare con persone che soffrono e hanno sofferto per diverse motivazioni? O preferiamo invece vivere, ormai, di quella muta indifferenza verso l'altro che ci porta persino a porre domande di cui non ascoltiamo neanche la risposta?

Ci vogliono coraggio, e anima e fede. [...] Nell'uomo e nell'infinito che ha dentro. [...] E ci vuole convinzione. Una convinzione forte, fortissima, che deve mantenersi tale anche quando vacilla sotto le tante domande senza risposta. La convinzione che deve esistere altro oltre il qui e l'adesso, e che il perimetro del mondo non è segnato da nessun orizzonte.

Leggete questo libro, è l'unico suggerimento che possiamo darvi. Leggetelo nei momenti di serenità, leggetelo in quelli di profonda tristezza e malinconia. Leggetelo se avete perso delle persone care, vi aiuterà, parecchio..

Noi ringraziamo infinitamente Patrizia Fortunati, che ci ha gentilmente inviato il suo romanzo consentendoci di leggerlo e dare una nostra opinione.
Avevamo già avuto l'occasione di leggere il suo libro Trecento secondi (di cui potete leggere la nostra recensione qui) e già in quella occasione eravamo state rapite dal potere delle sue parole!

You Might Also Like

3 commenti

  1. un libro molto bello e profondo mi piacerebbe leggerlo

    RispondiElimina
  2. le tue proposte di lettura sono sempre davvero molto interessanti, anche questo libro mi piace molto

    RispondiElimina
  3. Bellissimo libro non lo conoscevo lo cercherò in libreria grazie.

    RispondiElimina