Film

Outlander

15:51

Da qualche tempo abbiamo trascurato la nostra sezione film e telefilm, ma credeteci se affermiamo di averne visti davvero tanti! Solitamente dedichiamo a questo argomento un articolo con i nostri consigli per gli appassionati di telefilm, ma oggi vorremmo dedicare l'attenzione ad uno degli ultimi che abbiamo visto e che, secondo noi, merita un'attenzione particolare!
Stiamo parlando di Outlander. Probabilmente molti di voi lo conoscono già, ma vorremmo spendere qualche parola per chi ancora non avesse subito il suo fascino.




Partiamo dal dirvi che la storia, tratta dall'omonimo romanzo di Diana Gabaldon, è ambientata in Scozia, tra il Novecento e il Settecento. Non è un caso questa sequenza cronologica dal momento che la protagonista, Claire Beaucamp, nasce e vive nel Novecento per poi ritrovarsi catapultata indietro nel tempo grazie ad un circolo di pietre in Scozia. La somiglianza con quello di Stonehenge fa intuire quanto questi luoghi fossero concepiti come centri magici e rituali.



Claire vorrebbe tornare indietro dal marito Frank, ma, nonostante i vari tentativi, molti eventi la vincolano al passato. 

Possiamo dirvi che una volta iniziato il primo episodio, non potrete più farne a meno. I motivi sono tanti e noi vorremmo darvene alcuni per farvi un'idea più chiara:

  • JAMIE FRASER 
Bello, buono, intelligente e intrigante. In poche parole non gli manca nulla! È uno dei pochi uomini a non rendersi ridicolo indossando un kilt; è l'eroe perfetto che non cede di fronte al pericolo e alla possibilità di ricevere una sconfitta, ma anche l'uomo capace di ascoltare e di esprimere grande dolcezza; è capace di intavolare un perfetto piano di attacco e di occuparsi di questioni politiche ma anche di essere un tenero amante per una donna. In poche parole è perfetto, non si può non amarlo!




  • VERIDICITA STORICA
Forse nessuno di noi si è mai fatto delle domande sulla storia delle highlands scozzesi e, a parte qualche breve accenno negli studi di letteratura inglese, poco o niente ci è rimasto. Non che questo telefilm sia un libro di storia, ma di certo fornisce molte informazioni sul contesto: viene ricostruito ogni singolo dettaglio a partire dagli abiti, dagli usi, dalle abitazioni per dare vita non solo alla grande storia, ma soprattutto alle storie quotidiane dei singoli uomini del Settecento della Scozia e non solo.
La cosa più importante è però la battaglia di Culloden del 1746, questo non potrete mai dimenticarlo!


  • PAESAGGI MOZZAFIATO
 Si sa che la Scozia offre delle bellezze paesaggistiche straordinarie e arricchire le scene del telefilm con questi spezzoni di natura lussureggiante non può che far bene ai nostri occhi sempre più abituati al grigiore della città. Purtroppo, poi, subentra un inevitabile innamoramento e un'estrema necessità in ognuno di visitare le terre scozzesi.
 
 
  • SIGLA 
Molto particolare anche la sigla, ideata a partire dal folk scozzese, The Skye Boat Song, amato dal compositore Bear McCreary il quale conosceva le originarie liriche di Sir Harold Boulton legate alla Rivolta giacobita. Era, però, difficile collegare la melodia della ballata con le liriche di Boulton, finché Raya Yarbrough, vocalista nonché sua moglie, non gli ricordò un altro set di liriche, scritte da Robert Louis Stevenson, molto più adatte alla storia di Claire (cambiando anche le consonanti per modificare il sesso, la connessione divenne ancora più diretta).

La canzone popolare rievoca la fuga di Charles Edward Stuart, il Bonnie Prince Charlie, da Uist sull’Isola di Skye, dopo la sua sconfitta nella battaglia di Culloden nel 1746, aiutato dalla giovane Flora McDonald. Nella versione di Stevenson è Charles Edward in persona, vecchio e stanco del suo esilio a Roma, a narrare le sue avventure.






  • RUOLO DELLA DONNA
La donna del Settecento non era certamente la donna di oggi e ritrovarsi catapultati indietro nel tempo per una persona del Novecento non deve essere facile: in un mondo "arretrato e maschilista" la donna o è sottomessa agli uomini o è una strega da bruciare sul rogo. Claire non riesce, però, ad accettare tutto questo e scandalizza tutte le highlands con il suo comportamento e il suo linguaggio "scurrile". Con il suo personaggio si viene a creare, così, una netta differenza tra la donna ignorante, sempliciotta e relegata al ruolo di moglie e madre, e la donna acuta, emancipata e assolutamente incapace di piegarsi alla volontà altrui.




Beh avrete capito che si tratta di uno dei nostri telefilm preferiti e che non potete non innamorarvene. Certo in gran parte dipende dal bellissimo Sam Heughan, che trova sempre un modo sorprendente e intrigante per lasciare noi donne senza fiato!
Guardatelo e fateci sapere se la pensate come noi. Siamo sicure che non ve ne pentirete! ;)

You Might Also Like

5 commenti

  1. Io non lo conoscevo e devo dire che mi hai incuriosito molto, voglio vederlo
    Alessandra

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa serie tv, ma l'ambientazione storica è tra quelle che preferisco

    RispondiElimina
  3. io non ho mai visto questa serie ma le vostre parole e immagini mi hanno incuriosita

    RispondiElimina
  4. Mi avete incuriosita moltissimo perchè non sapevo praticamente nulla di questa serie. Ora mi è venuta una gran voglia di vederla perchè ambientazione e tematiche le trovo molto affascinanti.

    RispondiElimina
  5. Non l'ho visto ancora, ma mi avete incuriosita moltissimo, dovrò rimediare assolutamente ^^

    RispondiElimina